Comunicato ADC NAZIONALE

Francavilla al mare, 01/12/2017
Centro Congressi Villa Maria – “Il nuovo Contenzioso tributario”
ADC Nazionale e Fondazione Scuola di Formazione ADC

Sala del Centro Congressi Villa Maria affollatissima. L’argomento è quanto mai attuale anche in vista della entrata a regime del nuovo Processo Tributario Telematico.
Questo il tema del Congresso organizzato da ADC Nazionale e Fondazione Scuola di Formazione ADC.
Ad introdurre i lavori Il presidente Nazionale ADC Enzo De Maggio, Il presidente della Fondazione Scuola di Formazione ADC (Vilma Iaria), Il presidente della Sezione ADC Chieti (Sergio Acconcia), la Consigliera nazionale dei Dottori Commercialisti (Valeria Giancola), il Generale di Brigata (Flavio Aniello),Comandante Regionale Abruzzo Guardia di Finanza che ha portato i saluti del Comandante Generale della Guardia di Finanza Giorgio Toschi.

Relatori prestigiosi e piacevolissimi nell’esposizione : (Cesare Glendi) professore emerito Università di Sassari e Parma, (Alessandro Traversi ) Docente di Diritto Penale tributario
della scuola di Polizia tributaria della Guardia di Finanza di Roma, ( Brunello Menozzi) Direttore Emerito Agenzia delle Entrate.

Molti gli argomenti affrontati : dalla necessaria ed urgente Riforma ordinamentale del processo tributario
alla disciplina delle carriere dei Magistrati.

I Commercialisti si chiedono, quali operatori del settore : “avremo finalmente un giusto processo”?
Dopo le piacevolissime esposizioni e il dibattito che ne è seguito arrivano le proposte di ADC Nazionale :
1) Eliminare la disparità economica: per l’Ente impositore fiscale l’accesso al processo tributario è
gratuito, per il contribuente l’accesso è divenuto nel tempo sempre più oneroso. Oneroso e gravoso
tanto da dissuadere il contribuente ledendo di fatto il suo diritto di difesa.
2) Introduzione della prova per testimoni: ad oggi esiste una forte disparità sulla prova testimoniale.
Usata sempre dagli uffici in caso di verbali ispettivi ma considerata con valore di mero indizio se
presentata dal contribuente. Una prova per testi formulata con modalità analoga a quelle proprie del
processo civile
3) Proponibilità del ricorso per cassazione anche per difetto di motivazione : oggi, essendo stato
eliminato il motivo di carenza di motivazione, vi è una limitazione al diritto di difesa, dato che una
sentenza di Commissione Regionale priva di adeguata motivazione è censurabile solo
indirettamente, sotto il profilo del travisamento del fatto.
4) Introduzione di un obbligo generale di contraddittorio endoprocedimentale : considerata la
immediata esecutività degli avvisi di accertamento, l’introduzione di un contraddittorio preventivo
obbligatorio risponderebbe ad una esigenza di giustizia sostanziale, contribuendo inoltre ad
alleggerire notevolmente il contenzioso. Conditio sine qua non che la mediazione sia condotta da un
Ente terzo.
5) Disciplina dei rapporti tra processo penale e processo tributario: L’art. 20 del D.Lgs. n. 74/2000
prevede soltanto che il processo tributario non possa essere sospeso in attesa della definizione di
quello penale avente ad oggetto i medesimi fatti, ma in realtà, non disciplina in alcun modo i rapporti
tra detti procedimenti, con conseguente possibilità non soltanto di irrogazione di sanzioni sia
tributarie che penali per il medesimo fatto, ma anche di decisioni confliggenti.
6) Giustizia Tributaria vicina al cittadino : riorganizzazione delle Commissioni Tributarie insediandole
presso le sedi dei Tribunali, almeno nel primo gradi di giudizio.